a cura di Marco Inchingoli

a cura di Marco Inchingoli

Kickle Cubicle

Kickle Cubicle

un gelido viaggio nel Regno delle Fantasie!

Nel vasto oceano dei puzzle game degli anni ‘90, un titolo in particolare brilla per la sua unicità e il suo fascino: Kickle Cubicle.

Pubblicato per il NES nel 1990, questo gioco ci porta in un mondo dove il freddo non è mai stato così divertente.

Ma cosa lo rende un tesoro nascosto degno di essere riscoperto oggi? Al momento della sua uscita, Kickle Cubicle fu lodato per la sua originalità, il gameplay innovativo e la sua capacità di stare al passo con titoli puzzle più noti.

Oggi, il gioco è apprezzato per la sua nostalgia e per la capacità di offrire un’esperienza sfidante, ma gratificante, che testimonia l’era d’oro dei puzzle game su NES. Kickle Cubicle ci introduce in un mondo invaso dal freddo, dove il protagonista, Kickle, deve salvare il Regno delle Fantasie dall’eterno inverno imposto dall’antagonista, il Re degli Stregoni.


La missione di Kickle? Liberare gli abitanti congelati e ripristinare la bellezza delle quattro isole: Giardino, Frutta, Torta e Giocattolo. Il cuore di Kickle Cubicle risiede nel suo gameplay innovativo.


I giocatori usano la capacità di Kickle di creare blocchi di ghiaccio e soffiare freddo per risolvere enigmi e navigare attraverso livelli intricati.

Kickle Cubicle


Ogni isola offre una sfida unica, con ostacoli e nemici che richiedono strategia e ingegno per essere superati. Kickle Cubicle è suddiviso in quattro mondi principali, ognuno rappresentativo di un tema specifico che si riflette sia nell’aspetto visivo che nelle sfide proposte.

Il primo mondo introduce i giocatori alle meccaniche di base del gioco.

È composto da 15 livelli che fungono da tutorial pratico, guidando i giocatori attraverso enigmi semplici, ma progressivamente più impegnativi.

Il secondo mondo aggiunge una maggior varietà di sfide e nemici, con 20 livelli che richiedono un uso più strategico delle abilità di Kickle.

Gli enigmi diventano più complessi, richiedendo ai giocatori di pensare in modo più creativo.
Il tema della Torta introduce elementi ancora più complessi e nuovi ostacoli, tra cui piani scivolosi e nemici più aggressivi, distribuiti in 20 livelli.
Qui il gioco mette veramente alla prova le abilità di risoluzione dei problemi acquisite nei mondi precedenti.

L’ultimo mondo, composto da ulteriori 15 livelli, rappresenta la sfida finale. Ogni livello è un puzzle intricato che richiede di utilizzare tutte le abilità e le strategie apprese fino a quel momento.


La creatività e la pazienza sono essenziali per superare queste ultime prove.


Oltre ai livelli principali, ci sono anche livelli speciali che si sbloccano completando determinate condizioni, offrendo ulteriori sfide e opportunità per mettere alla prova le proprie abilità.

La sfida di completare il gioco al 100%, sbloccando tutti i livelli speciali e raccogliendo tutti i bonus nascosti, incentiva i giocatori a esplorare a fondo ogni angolo dei mondi di gioco.

 

Kickle Cubicle


Inoltre, la semplicità delle meccaniche di base, unita alla profondità delle sfide proposte, rende Kickle Cubicle un gioco che si presta bene a sessioni di gioco ripetute, dove ogni tentativo può portare a nuove scoperte o strategie.

Nonostante la sua età, Kickle Cubicle rimane incredibilmente accessibile e divertente. La semplicità delle meccaniche di gioco, unita alla profondità delle sfide puzzle, lo rende attraente sia per i neofiti che per i veterani dei giochi di logica.

La soddisfazione nel risolvere i livelli e la curva di difficoltà bilanciata invogliano a continuare a giocare.

Kickle Cubicle rappresenta dunque una perla rara nel panorama videoludico, un gioco che incanta con la sua semplicità e allo stesso tempo sfida con i suoi enigmi. Che siate giocatori in cerca di nostalgia o degli appassionati di puzzle alla ricerca di una sfida, Kickle Cubicle è un’avventura gelida che scalda il cuore e stimola la mente, un viaggio indimenticabile nel regno del ghiaccio che attende solo di essere (ri)scoperto.

 

Kickle Cubicle

Facebook
Twitter
LinkedIn
Telegram
WhatsApp
Email
a cura di Marco Inchingoli

a cura di Marco Inchingoli

potrebbe interessarti anche...