a cura di Marco Grande Arbitro

a cura di Marco Grande Arbitro

Strixhaven: Scuola dei Maghi

“Strixhaven: Scuola dei Maghi” è l’ottantasettesima espansione di Magic Il set è composto da 275 carte, vengono riproposte le meccaniche multicolori dei colori avversari

Strixhaven: Scuola dei Maghi

Ogni accoppiata di colore rappresenta una delle cinque scuole di magia dell’accademia di Strixhaven, ciascuna possiede una propria strategia di gioco:
– Archeorocca: accoppiata bianco-rossa che sfrutta le meccaniche “Recursion”;
– Pennargento: accoppiata bianco-nera che sfrutta con le meccaniche “Token”;
– Quandrix: accoppiata blu-verde che sfrutta con le meccaniche “Counter +1/+1”;
– Germoglioscuro: accoppiata nero-verde che sfrutta le meccaniche “Life”;
– Prismari: accoppiata blu-rossa che sfrutta le meccaniche “Big Spell”.

Le abilità dell’espansione sono le seguenti: “Lezione” (un nuovo tipo di magia che può essere anche recuperato anche se fuori dal gioco), “Apprendi” (abilità innescata che permette di recuperare una lezione o riciclare la mano), “Artemagica” (abilità che si innesca quando viene lanciata o copiata una magia), “Egidia” (abilità che protegge le creature a meno che non si spenda un determinato costo) e il ritorno delle “Carte Bifronte Modali”.

Strixhaven: Scuola dei Maghi

Sul piano della storyline, l’espansione è ambientata nell’accademia di Strixhaven: un’università considerata l’eccellenza magica di tutto il multiverso, che a sua volta è suddivisa in cinque scuole.
Un gruppo di maghi banditi sta seriamente minacciando l’accademia, in questo scenario vediamo l’intrecciarsi delle vicende dei planeswalker: Lukka, Kasmina, Liliana, Rowan e Will.

Mai come questa volta abbiamo una vasta gamma di carte che diventeranno molto giocate in competitivo.
Tra le comuni abbiamo primizie per il Pauper, tra le migliori notiamo: il “Ciclo dei Campus” (cinque terre comuni che permettono di utilizzare costantemente profetizza), “Avvento del Drago” (la magia non creatura a copie multiple, può tornare utile nei “Dragon Tribal”), “Riordinare” (un buon peschino comune che alimenta anche il cimitero), “Scoperta Emozionante” (una buona magia per riciclare la mano), “Essere d’Esempio” (la prima comune che copia le magie) e “Maga Spettacolare” (molto utile per diminuire il costo delle “Big Spell”).
Le non comuni possiedono molte carte di supporto, vediamo: il “Ciclo delle Leggendari Non Comuni” (cinque leggendarie molti utili, che danno supporto agli archetipi del set), “Prova di Talento” (counter che neutralizza i “Combo Deck”), “Apprendista di Germoglioscuro “ (la magia del momento, molti giocatori la stanno giocando in Legacy per fare combo a danni infiniti), “Squarciare”, “Infrangere”, “Negazione Decisiva” (ottimi removal versatili), “Avvilire” (buono scartino per i “Midrange”) e “Interazione Espressiva” (buon peschino per gli archetipi “Izzet”).

Strixhaven: Scuola dei Maghi

Il vero colpo sono le carte rare, vediamo bombe come: il “Ciclo delle Snarls” (che conclude il ciclo delle “Reveal Lands” iniziato nel blocco “Ombre si Innistrad”), il “Ciclo dei Comandi” (si conclude il ciclo delle magie versatili a scelta multipla iniziato nell’espansione “Draghi di Tarkir”), “Supervisora Intransigente” (ottima carta per ritardare le abilità innescate), “Silenziatrice di Pennargento” (ottima carta da tortura, diventa un buon peschino nei “Midrange”), “Cody, Codice Parlante” (ottima creatura leggendaria che genera un nuovo archetipo “Mono Spell”, potrebbe tornare molto utile anche in Commander), “Affrontare il Passato” (reanimator o removal per planeswalker, torna sempre utile su più fronti), “Rinascita Affrettata” (una carta che ha l’effetto opposto di “Capsula della Genesi”, in Standard tornerà molto utile per creare piccole combo), “Doppia Specializzazione” (prima carta che clona anche le magie creature, può tornare utile su più fronti), “Verso Evanescente” (il miglior removal dell’espansione, sarà molto giocato) e “Il Biblioplex” (ottima terra per acquisire istantanei e stregonerie).

Per concludere con le rare mitiche, possiamo notare carte come: il “Ciclo degli Elder Dragon” (cinque draghi dei colori delle scuole di magia), “Jadzi, Oracolo di Arcavois // Viaggio Verso l’Oracolo” (da giocare nei “Simic Ramp” per acquisire carte), “Mila, Compagna Astuta // Lukka, Vincolatore Ribelle” (per potenziare l’archetipo “Super Friends”), “Rowan, Studiosa delle Scintille // Will, Studioso del Gelo” (ottima doppia scelta per gli archetipi “Izzet Big Spell”), “Kasmina, Saggia dell’Enigma” (nuovo planeswalker da supporto per gli archetipi “Bant”) e “Professoressa Onyx” (la nuova versione di Liliana, sarà molto utile nei “Mono Black Control” per infliggere danni costanti).Ma non è finita qui! In ogni bustina dell’espansione sarà possibile trovare una carta nel mini-set “L’Archivio Mistico di Strixhaven”.

Si tratta di 63 ristampe rilasciate con una speciale grafica che ricordano le pagine dei tomi di magia. Abbiamo carte del calibro di: “Coltivare”, “Costrizione”, “Reclamare il Primogenito”, “Opzione”, “Da Spade a Spighe!”, “Fulmine”, “Contromagia”, “Filamenti dell’Agonia”, “Indagini di Kozilek”, “Mitraglia”, “Pioggia di Pietre”, “Rito Oscuro”, “Spirale Fulminante”, “Stretta di Krosa”, “Spirale di Crescita”, “Tempesta Cerebrale”, “Desidero della Mente”, “Giorno del Castigo”, “Incanalare Energia” e molto altro! Tante magie essenziali in competitivo, che bisogna recuperarle assolutamente!
“Strixhaven: Scuola dei Maghi” è un’espansione che lascia davvero sbalorditi!

Ancora una volta la lore e il gioco si fondono generando un set davvero interessante: si respira l’atmosfera di una scuola di magia, non vi nego che in alcuni momento mi è sembrato di vedere lo stile del mondo di Harry Potter, ma non mancano le tipiche atmosfere di Magic. Molti giocatori avevano il timore di vedere un clone sbiadito del piano di Ravnica, ma non è assolutamente così.

Sul piano delle carte, ci sono sorprese su più fronti. Le comuni sono davvero di alto livello, vedremo davvero belle cose in Pauper e sono sicuro che lasceranno il segno.
A salire ci sono carte che diventeranno obbligatorie nelle prossime competizioni, in particolare tutte le magie a due mana che supportano bene il gioco.

Mi sarei aspettato qualcosa in più dalle rare mitiche, ma comunque troveranno il loro spazio nel competitivo.
Questa espansione ha tutte le carte in regola per far nascere nuovi archetipi che verranno sfruttati in più formati.

“Strixhaven: Scuola dei Maghi” è un’espansione molto sperimentale che riesce nel suo intento: è promossa a pieni voti, il consiglio è quello di giocarla il più possibile! Buon ritorno a scuola!

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on telegram
Telegram
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email
a cura di Marco Grande Arbitro

a cura di Marco Grande Arbitro

ultimi articoli

Strixhaven: Scuola dei Maghi

Strixhaven: Scuola dei Maghi

“Strixhaven: Scuola dei Maghi” è l’ottantasettesima espansione di Magic Il set è composto da 275 carte, vengono riproposte le meccaniche …

Spirale Temporale Remastered

Spirale Temporale Remastered

il Blocco Spirale Temporale, rilasciato nell’arco del 2006-2007, fu molto importante per la storia editoriale di Magic. Oltre ad omaggiare …

Gruul Adventure

Gruul Adventure

Dinanzi le sperimentazioni post “Kaldheim” i deck “Aggro” dominano lo Standard Quando viene rilasciata una nuova espansione, fisiologicamente segue una …

le altre rubriche