Picture of a cura di Marco Inchingoli

a cura di Marco Inchingoli

The Legend of Zelda

The Legend of Zelda

riviviamo l’epico viaggio di Link attraverso Hyrule!

In occasione dell’uscita del nuovo The Legend of Zelda: Tears of the Kingdom in arrivo a maggio su Switch, abbiamo deciso quest’oggi di portarvi indietro nel tempo fino al momento del lancio della primissima iterazione dell’iconica serie.

 

The Legend of Zelda è uno dei giochi più iconici della storia dei videogiochi, pubblicato dalla Nintendo per la console NES nel 1986.

Il gioco ha creato uno standard per gli RPG d’azione e ha introdotto un mondo aperto pieno di segreti, labirinti e mostri. The Legend of Zelda ha stabilito il tono per tutta la serie di giochi che sono seguiti, con la loro formula vincente di avventura, esplorazione, puzzle e combattimenti, segue le avventure del giovane eroe Link, che deve salvare la principessa Zelda dal malvagio Ganon e recuperare le otto parti della Triforza per restaurare la pace nel regno di Hyrule.

The Legend of Zelda

 


Il gameplay di The Legend of Zelda è un misto di esplorazione, combattimenti, risoluzione di enigmi e raccolta di oggetti, e ha introdotto molti elementi innovativi per l’epoca, come la possibilità di salvare il gioco e la meccanica di ottenere oggetti chiave per avanzare nella storia.

 

Il gioco presenta una vasta mappa del mondo di gioco di Hyrule, divisa in schermi separati. Ogni schermo ha il suo insieme di nemici, tesori e segreti.

Il giocatore deve esplorare la mappa, risolvere enigmi e sconfiggere i nemici per poter avanzare nella storia e sbloccare nuove aree.

 

The Legend of Zelda


In ogni zona ci sono labirinti da esplorare, ciascuno contenente un oggetto chiave per avanzare nella trama.

I labirinti sono una parte essenziale del gioco, che richiedono al giocatore di utilizzare la propria intelligenza per risolvere i puzzle e trovare il tesoro nascosto.

The Legend of Zelda ha anche introdotto una vasta gamma di oggetti e abilità che possono essere raccolti e utilizzati durante il gioco.

Link può raccogliere e utilizzare bombe, frecce, un boomerang, un arco e molte altre armi e oggetti che possono aiutare nella sua missione.

 

The Legend of Zelda


Inoltre, Link può ottenere nuove abilità come nuotare, attraversare il fuoco e tagliare gli alberi.

Il gioco ha anche un sistema di progressione che permette al giocatore di ottenere oggetti e abilità migliori man mano che avanza nella storia; Link può ottenere cuori per aumentare la sua salute, ma anche altri potenziamenti come il flauto magico, che consente al giocatore di viaggiare rapidamente sulla mappa, e la Spada Suprema, che è l’arma più potente del gioco.


The Legend of Zelda è anche noto per la sua colonna sonora iconica e memorabile.

Le melodie coinvolgenti come la tema principale e la musica della grotta risuonano ancora oggi come alcuni dei pezzi più riconoscibili del gioco.

Queste tracce non solo contribuiscono all’atmosfera del gioco, ma aiutano anche a immergere il giocatore nella sua avventura epica.


Tuttavia, The Legend of Zelda non è perfetto, alcune delle meccaniche di gioco possono risultare frustranti, come la necessità di accumulare una grande quantità di rubini per acquistare oggetti importanti come le frecce o le bombe. Nonostante ciò The Legend of Zelda è ancora un gioco meraviglioso e una pietra miliare nella storia dei videogiochi. Il suo gameplay innovativo, la vastità del mondo di gioco e la sua colonna sonora epica hanno ispirato molti giochi successivi e continuano a influenzare il genere action-RPG ancora oggi.


In conclusione, The Legend of Zelda è un titolo che merita di essere giocato e apprezzato da tutti i fan del genere action-RPG e degli amanti dei giochi classici.


Non importa se sei un giocatore veterano o un nuovo arrivato nella serie, la sua vastità e la sua ricchezza di contenuti ti terranno impegnato per ore.

Se non l’hai ancora fatto, assicurati di dare una chance a questo capolavoro senza tempo.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Telegram
WhatsApp
Email
Picture of a cura di Marco Inchingoli

a cura di Marco Inchingoli

ultimi articoli

le altre rubriche

il nostro mensile