a cura di Marco Inchingoli

a cura di Marco Inchingoli

Batman Returns

1992SNESPicchiaduroKonami Konami
annoconsolegeneresviluppopublisher

un classico cinematografico trasformato in una piccola chicca videoludica

Batman Returns Siamo vicini al periodo natalizio e come ogni anno abbiamo scelto di celebrarlo con un titolo a tema.
Questa volta il protagonista della nostra retro recensione è Batman Returns e anche se apparentemente può non sembrare un titolo prettamente natalizio in realtà come per l’omonima pellicola il periodo fa da sfondo alle sue vicende con vari rimandi alle festività.

Anche se faremo riferimento alla versione Super Nintendo, il gioco pubblicato e sviluppato da Konami nel 1992 è uscito anche su PC e diverse altre console dell’epoca tra cui NES e Mega Drive.

Batman Returns riprende abbastanza fedelmente la trama dell’omonimo film degli anni ’90, Batman – Il Ritorno, seconda pellicola dedicata all’Uomo Pipistrello diretta da Tim Burton.

Si parte dunque con un flashback in cui vediamo la nascita di Oswald Cobblepot, abbandonato dai propri genitori per via delle sue deformità, evento che lo porterà ad essere allevato da alcuni pinguini imperatore diventando poi l’iconico villain conosciuto come Il Pinguino.

Batman Returns Proprio come nel film sarà lui al centro di tutto, in cerca della propria rivalsa sui cittadini di Gotham scatenerà il panico nella piazza della città avvalendosi di una certa gang del Triangolo Rosso e lo farà proprio in prossimità del Natale. Da qui parte Batman Returns e nei panni del vigilante dovremo menar le mani in quello che si presenta come un classico picchiaduro a scorrimento.

Nonostante gli anni l’impatto visivo è ottimo, gli scenari sono ben realizzati e ricchi di dettagli con un forte focus nel ricreare l’atmosfera natalizia, ma al tempo stesso una Gotham City cupa, pericolosa e grigia, così come dipinta da Burton nel suo film. L’occhio va anche ai modelli dei personaggi tra tutti Batman, una resa degna dell’eroe dei fumetti ricalcando ottimamente il carisma, la forza e il coraggio del personaggio originale.

Si nota sin dai primi combattimenti anche una buona fluidità negli scontri e un feedback nei colpi davvero soddisfacente, e sorprende in positivo l’interazione con alcune parti dello scenario dove potremo sbatacchiare i malcapitati rompendo lampioni o vetrate. I fan poi non possono non gioire alla possibilità di colpire i malviventi con il mitico Batarang anche se in termini di gameplay non reca molto danno, ma torna comunque utile per stordire i malcapitati o disinnescare azioni o combo avversarie.

Batman Returns Nella bat-cintura non mancherà poi il bat-rampino che possiamo usare per calciare un nemico, ma anche per arrampicarci durante alcune sessioni del gioco che accenneranno in questo senso a delle brevi sezioni di platforming aggiungendo qualcosa di nuovo rispetto i classici del genere e tributando effettivamente una caratteristica importante del personaggio. Sarete felici inoltre di sapere che non mancherà la Batmobile, protagonista di un livello del gioco, seppur questo risulti in un semplice sparatutto a bordo della celebre auto.

Come già detto il titolo riprende il tema del Natale, Gotham è in festa e i molti dettagli nei sette livelli del gioco enfatizzano questo aspetto: la neve sulle strade, il gigantesco albero di Natale in piazza, le vetrine festose dei negozi, tutto ricrea una splendida atmosfera natalizia.

A ricalcare questa tematica ci pensano poi i peculiari nemici del gioco, la gang del Triangolo Rosso, una banda criminale composta da ex artisti circensi. Il circo sarà infatti un’altra tematica ricorrente nel gioco: clown, fachiri, lanciatori di coltelli, giocolieri, trampolieri e mangiafuoco, loro saranno i bersagli dei pugni di Batman dall’inizio alla fine.

Questo porterà purtroppo a dei boss abbastanza altalenanti, ad eccezione dei due “veri” nemici del gioco ed effettivamente del film, Pinguino e Catwoman. Loro risultano decisamente più interessanti da fronteggiare piuttosto che un fotografo armato di mitraglietta o un uomo forzuto.

Uno scontro un po’ deludente è in particolare il boss finale che risulta addirittura più facile di altri boss precedenti. In definitiva, e qui chiudiamo, Batman Returns rappresenta una vera chicca per i fan. Pestare pagliacci prima della notte di Natale risulta appagante con un gameplay fluido e divertente che rispecchia la possanza di Batman durante i combattimenti. Il gioco è bello da vedere e l’ottima colonna sonora ispirata al film di Tim Burton accompagna il giocatore nei sette stage.

Konami ha poi pensato di inserire ben cinque livelli di difficoltà che innalzano la rigiocabilitá in un genere in cui tipicamente è piuttosto scarsa. Dunque il nostro consiglio è quello di giocarlo assolutamente, ancor di più se siete fan irriducibili dì Batman, non sarà il gioco più bello sull’Uomo Pipistrello, ma Konami ha confezionato senz’altro un titolo validissimo da provare almeno una volta.
Con questa piccola chicca chiudiamo dunque anche quest’anno e vi auguriamo un buon Natale tra panettoni, torroni e magari dei sani sganassoni sulle strade innevate di Gotham!

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on telegram
Telegram
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email
a cura di Marco Inchingoli

a cura di Marco Inchingoli

ultimi articoli

Toy Story

Toy Story

1996 SEGA Mega Drive Action/platform Traveller’s Tales Disney Interactive Studios anno console genere sviluppo publisher I giocattoli animati di Pixar …

TMNT

TMNT

2007 Game Boy Advance Picchiaduro Ubisoft Montreal Ubisoft anno console genere sviluppo publisher il picchiaduro delle Tartarughe Ninja che non …

Universe

Universe

1994 Amiga MS DOS Avventura grafica Core Design  Core Design anno console genere sviluppo publisher un’avventura non convenzionale in un …

le altre rubriche