a cura di Valerio Turrini

a cura di Valerio Turrini

in attesa della next-gen FIFA 21 si conferma come il Re indiscusso del calcio videogiocato!

finalmente è giunto il momento di tornare sui campi da gioco più famosi del mondo, calcare i prati della Premier League e giocare nei teatri più famosi del calcio mondiale. FIFA 21 si riconferma quest’anno il punto di riferimento indiscusso nel calcio videoludico

EA Sports non ha semplicemente riproposto la sua formula ben rodata e funzionante con qualche piccolo accorgimento anzi, quest’anno le novità in FIFA 21 sono parecchie, sia dal punto di vista del gameplay che dal punto di vista dei contenuti, con diverse novità dedicate alla tanto amata Modalità Carriera.

Partendo proprio dal gameplay, le partite in FIFA 21 sono ovviamente simili al predecessore, ma una volta preso il pad in mano e iniziato a giocare la differenza è notevole. Innanzitutto i miglioramenti dedicati ai dribbling con l’introduzione del Dribbling Agile rendono i cambi di direzione incredibilmente più veloci e difficili da prevedere per l’avversario, ma al tempo stesso anche nei movimenti difensivi è stata migliorata la reattività per reagire correttamente al nuovo sistema di dribbling. Sempre legato alla fase offensiva, è stato migliorato il posizionamento dei giocatori da parte della CPU che ora tenterà di inserirsi in maniera più intelligente e rapida rispetto al passato e in aggiunta.

Inoltre il nuovo sistema di Inserimento Creativo ci permetterà di controllare la direzione dell’inserimento dei nostri compagni attraverso la levetta destra creando possibilità di gioco inedite.

In poche parole, mentre prima l’attaccante alla pressione del tasto L1 (o RB su Xbox) scattava dritto in avanti, adesso dopo la pressione è possibile indicargli la direzione dell’inserimento con la levetta, permettendo inserimenti in diagonale, perfetti per portarsi via i difensori avversari e creare nuove occasioni da gol.

A completare il quadro del gameplay ci sono i nuovi colpi di testa manuali (da indirizzare finalmente in maniera autonoma), contrasti più realistici e nel complesso un’intelligenza artificiale migliore nel gestire il posizionamento giocatori che non controlliamo in tempo reale. Come sempre le criticità nel gameplay emergeranno con il passare dei mesi, quando la maggior parte dei giocatori avrà imparato a padroneggiare il gioco e a utilizzarne gli eventuali glitch, ma al momento il gioco ci sembra molto meglio bilanciato rispetto al passato, diverte molto sia online che offline e al netto del solito momentum che principalmente online ogni tanto deciderà di giocarci brutti scherzi, risulta essere molto divertente.

Parlando proprio della componente multiplayer del gioco, ovviamente la punta di diamante di FIFA 21 è la modalità Ultimate Team, che viene rinnovata nella veste grafica dei menù e introduce parecchie novità, come la possibilità di giocare in co-op le Squad Battles e le Division Rivals e la personalizzazione completa degli stadi, dal colore delle righe sul campo ai vari striscioni, le musiche, i cori, insomma è possibili personalizzare il nostro stadio preferito per adattarlo al nostro team in tutto e per tutto.

Oltre a ciò, in FUT 21 sono stati rimossi sia gli oggetti forma fisica, gli oggetti allenamento e i vari oggetti guarigioni specifici per parte del corpo infortunata. D’ora in poi la forma fisica verrà riportata a 100 dopo ogni partita, non ci sarà possibilità di incrementare momentaneamente le statistiche con gli allenamenti (lo facevano ben pochi) e per gli infortuni la distinzione sarà solo temporale, una semplificazione non da poco.

il grande calcio EA Sports torna sulle nostre console! Per quanto riguarda la Modalità Carriera Allenatore, ci sono parecchie novità richieste a gran voce dalla community, che portano FIFA 21 ad un livello manageriale mai visto prima nella serie.

Oltre alla forma fisica e al morale dei singoli giocatori, è stata introdotta la statistica della lucidità, un valore che farà innalzare momentaneamente le statistiche dei nostri giocatori, li farà crescere più rapidamente e che dovremo gestire attraverso il nuovo sistema di allenamento. Potremo gestire il calendario della nostra squadra scegliendo i giorni di allenamento, riposo e recupero e scegliere il piano di crescita per i nostri giocatori, permettendo anche il cambio ruolo.

Anche le simulazioni dei match sono state migliorate, introducendo un nuovo sistema di simulazione in tempo reale, che ci permetterà di “vedere” la partita attraverso varie grafiche, intervenire sui cambi e sulle tattiche di gioco e persino entrare in partita in qualsiasi momento, senza alcun caricamento tra la simulazione e il nostro ingresso in campo, una feature che già sa di next-gen, ma che già su PS4 Pro ci permette un ingresso in partita nel giro di 2 secondi.
Anche la gestione del vivaio è stata migliorata, permettendoci di scegliere i piani di crescita individuali dei nostri giovani e farli crescere come meglio crediamo prima di promuoverli tra i grandi.

Lato mercato non ci sono grosse novità, se non che riceveremo ogni tanto proposte di scambio giocatori e prestiti con diritto di riscatto dalla CPU, che nel complesso si muoverà in maniera più realistica nei movimenti di mercato.
il grande calcio EA Sports torna sulle nostre console! Per quanto riguarda invece Pro Club e Volta Football le novità sono minori, con il primo che permette finalmente di modificare le sembianze dei giocatori controllati dalla CPU e consente di modificare le tattiche di gioco come nel resto delle modalità di gioco, mentre per Volta è stata introdotta una nuova modalità Rose Volta che ci permetterà di giocare lo street football di FIFA anche online con gli amici.
FIFA 21 è la coronazione del percorso fatto da EA Sports sulla attuale generazione di console, una scalata inesorabile verso la corona dei titoli calcistici ai danni del competitor PES che solo negli ultimi anni ha dato importanti segni di rinascita.
Il lavoro fatto quest’anno è egregio e fatichiamo a trovare grosse criticità dal punto di vista del gameplay, ma va detto che l’assenza della Serie B e la perdita della licenza per la AS Roma (Roma FC nel gioco) minano un po’ l’esperienza di gioco per noi italiani, che speriamo nel breve in una licenza completa della Serie A come avviene per gli altri grandi campionati europei.

FIFA 21 è una ulteriore riconferma, un titolo che ci accompagnerà per tutto l’anno e che ovviamente, sarà fruibile su next gen per tutti i possessori del gioco current-gen, senza bisogno di ricomprare il gioco